Top

Israele, quando la sinistra torna a fare la sinistra

Zehava Galon ha appena annunciato il suo ritorno alla politica di partito e il suo partito, Meretz, sta già salendo nei sondaggi, entrando nella Knesset e addirittura pareggiando con il Partito Laburista

Israele, quando la sinistra torna a fare la sinistra
Zehava Galon

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

1 Agosto 2022 - 18.07


Preroll

La speranza a sinistra è donna. Il suo nome è Zehava Galon.  Così Globalist titolava l’articolo in cui si dava notizia della ridiscesa in campo della ex leader del Meretz, la sinistra laica e pacifista israeliana, commentando la sua decisione di candidarsi i alle primarie per la leadership del partito.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Avevamo visto giusto. 

Middle placement Mobile

I consensi crescono

Dynamic 1

A darne conto, su Haaretz, è Odeh Bisharat. Che scrive: “La collega di Haaretz Zehava Galon ha appena annunciato il suo ritorno alla politica di partito e il suo partito, Meretz, sta già salendo nei sondaggi, entrando nella Knesset e addirittura pareggiando con il Partito Laburista. È avvenuto un miracolo? No! I democratici israeliani si sono semplicemente stufati di ciò che accade in quelle regioni chiamate sinistra. Forse qualcuno lo troverà sorprendente, ma c’è molta gente che cerca politici veramente di sinistra, che non balbettano, che dicono quello che hanno nel cuore senza battere ciglio e che non temono la risposta del coro di incitatori di destra. Sì, questa meravigliosa comunità è alla ricerca di una voce diversa, che non sia implacabile e che vada all’attacco. Questa comunità sta aspettando un pugno diverso, il pugno della verità orgogliosa, non un pugno timido che, al momento della verità, si ritirerà, centimetro dopo centimetro, dal pugno schiacciante della destra finché non sarà con le spalle al muro. Michael Ben-Shushan, attivista del Likud, ha già dipinto questo muro di bianco in vista dei plotoni di esecuzione: andiamo, è un massacro! Che contrasto: rosso su bianco accecante, gioia animalesca da una parte e terrore dall’altra. Rosso su bianco, terrore e capitolazione in un unico pacchetto. Gli elettori, tutti gli elettori, non sono entusiasti di leader spaventati che adottano i punti di vista del nemico e bandiscono gli alleati per non essere accusati di ballare con i lupi (nel nostro caso, gli arabi). È giunto il momento di adottare le parole del poeta Tawfik Ziad: “Se fuggi da un cane che abbaia, continuerà a inseguirti. Ma se lo affronti senza battere ciglio, si ritirerà”. È questo che è mancato al blocco democratico: determinazione, capacità di stare in piedi e profondo disprezzo per la destra fascista.

I veri democratici non si vergognano dei loro alleati. Se alcuni ebrei vi attaccano perché vi siete uniti ai democratici arabi, dite loro: “Sono miei fratelli”. Se alcuni arabi vi attaccano per esservi uniti ai democratici ebrei, dite loro: “Sono mie sorelle”. E cogliete l’occasione per insegnare loro un verso di un antico poema arabo: “Hai un fratello non nato da tua madre”.

Dynamic 2

Inoltre, l’opinione pubblica non è stupida. Solo ieri lei, Yair Lapid, flirtava con la Lista comune dei partiti arabi, ma oggi paragona il suo leader, Ayman Odeh, al parlamentare Itamar Ben-Gvir? Chi le crederà? E solo ieri lei, Benny Gantz, sedeva in un governo insieme alla Lista araba unita, ma oggi la evita e cerca un governo che la escluda? Chi le crederà?

Il suo comportamento – prima unire le forze con gli arabi e poi respingerli – è ridicolo. Se ami qualcuno, amalo fino in fondo, e se odi qualcuno, odialo fino in fondo. “Non ci sono vie di mezzo, o il paradiso o l’inferno”, ha scritto il poeta Nizar Qabbani. Imparate da Benjamin Netanyahu. Il suo odio emana da ogni fibra del suo essere. Ogni suo movimento trasmette incitamento e ancora incitamento. E se l’odio è ciò che il pubblico vuole, allora sceglierà l’originale, non una pallida imitazione.

Dynamic 3

Ma se volete scegliere una strada diversa, allora dovete trasformare il vostro punto debole – gli arabi – nel vostro punto di forza. È nelle vostre mani, Gantz e Lapid.

Tutti gli esperti dicono che se l’affluenza alle urne degli arabi aumenta, Netanyahu e la sua banda non otterranno la maggioranza alla Knesset necessaria per formare un governo. Immaginate se Gantz e Lapid si rivolgessero anche alla comunità araba, lanciando un appello emotivo affinché vada a votare e dicendole con coraggio che si sono sbagliati quando non si sono opposti all’incitamento della destra contro di essa, e che ciò che è buono per gli arabi è buono anche per gli ebrei e per l’intero Paese. Immaginiamo che dicano francamente agli arabi che hanno bisogno di loro per combattere il fascismo crescente che ci mette tutti in pericolo.

Dynamic 4

Molte persone in Israele stanno aspettando un nuovo spirito. Il ritorno di Galon,- conclude Bisharat – che è stato come una boccata d’aria fresca nell’estate rovente del nostro Paese, annuncerà il ritorno della saggezza? Non possiamo che essere ottimisti”.

Il nodo arabo. Voto o non voto?

Dynamic 5

Tutti i sondaggi indicano che l’esito delle elezioni di novembre può essere determinato dal voto o dal non voto degli arabi israeliani. Globalist ha raccontato in più reportage e analisi la sofferenza di una comunità, quella degli arabi israeliani che rappresenta oltre il 20% della popolazione d’Israele, una sofferenza per l’emarginazione sociale, per la discriminazione “istituzionale” alle quali è sottoposta. A cogliere appieno questo sentimento è, sempre sul giornale progressista di Tel Aviv, Hanin Majadli.

“Un imprenditore sociale ebreo  – racconta – voleva coinvolgermi in un progetto socio-educativo per studenti arabi. Quando abbiamo parlato due settimane fa, soprattutto di politica e società, mi ha detto: “Ho sempre voluto capire perché gli arabi non votano. Quando ho letto la sua ultima rubrica, ho ricevuto una risposta parziale, ma continuo a pensare che sia la cosa giusta da fare e importante andare a votare”. Gli ho spiegato, con un linguaggio altisonante e con l’ausilio di complesse analisi politiche e citando questioni nazionali, che noi (per dirla gentilmente) abbiamo una percezione diversa del diritto democratico di votare ed essere eletti.

La questione degli arabi che non esercitano il loro diritto di voto alle prossime elezioni della Knesset è una questione molto sentita dagli ebrei, soprattutto nel campo del centro-sinistra. Posso capire perché si sentano così perplessi e persino inorriditi. Sentono che questo Paese è loro, che è stato fondato per loro e per il loro bene e che è impegnato per loro e per il loro benessere tanto quanto lo sono loro. A loro avviso, quando votano, incidono sul destino del Paese, e quindi sul loro stesso destino. Che coraggio da parte degli arabi a disconoscere un diritto che è caduto proprio nelle loro mani! Provo a spiegarmi meglio. La stessa settimana in cui ho avuto la conversazione con l’imprenditore sociale, Riad Mahamid, un avvocato di 49 anni e padre di tre figli di Umm al-Fahm, è caduto da una barca ed è annegato nel lago Kinneret. Da diversi giorni è scomparso. Mentre i siti d’informazione arabi pubblicavano notizie 24 ore su 24, i titoli dei media ebraici erano ridotti o inesistenti. Mercoledì non ci sono state notizie. Le ricerche ufficiali erano state interrotte anche prima. Invece di un governo che avrebbe dovuto fare tutto il possibile,  e così non è stato, sono stati la famiglia dell’uomo e i volontari, soprattutto arabi, a venire da tutto Israele per cercare di trovarlo. Cittadini preoccupati, sommozzatori professionisti, persone a cavallo, persone con motoscafi e attrezzature speciali che potevano aiutare a localizzarlo. È arrivato anche Hamama Jarban, “il bagnino nazionale della società araba”, che è sempre il primo volontario a cercare le persone scomparse in mare. Tutte queste persone hanno affermato che il modo in cui le autorità hanno gestito le ricerche è stato negligente e che la marina ha tirato per le lunghe.

C’è un detto in arabo: “Togliti le spine dalla mano con la tua stessa mano”. Questa è la risposta all’imprenditore che ha chiesto perché gli arabi non votano alle elezioni: Per il senso di orfanità civica. Per la differenza di trattamento che il governo ha riservato al caso di Fida Kiwan e a quello di Naama Yissachar. Nel primo caso non si è preoccupato, nel secondo le autorità hanno fatto tutto il possibile per ottenere il suo rilascio. Oppure, quando la Russia ha lanciato la sua guerra contro l’Ucraina e gli studenti arabi sono stati gli ultimi ad essere salvati dal confine tra Ucraina e Polonia, ed è stato necessario l’intervento dei membri arabi della Knesset per garantire la loro evacuazione.

Questo senso di orfanità civica è condiviso dalla maggior parte dei cittadini arabi. Orfanezza che significa: Questo Paese non è vostro, non è stato fondato per voi, non è destinato a prendersi cura dei vostri bisogni e, se mai lo farà, lo farà solo dopo essersi preso cura degli ebrei. Si può discutere all’infinito degli ultimi commenti di Yair Lapid (non siederà in un governo “con estremisti”), della nuova campagna di incitamento di Benjamin Netanyahu o della paura di un governo totalmente di destra, compreso il nome in codice “Itamar Ben-Gvir”. Ma per far sì che i cittadini arabi vadano a votare, hanno bisogno di sentirsi a casa propria. Che se stanno annegando, ci sarà qualcuno che cercherà di salvarli”.

Così Majadli.

Un appello accorato raccolto da Galon. Con lucidità analitica e passione politica, la probabile neo leader di Meretz, ha scritto: “Il 1° novembre andremo alle urne per la quinta volta in quattro anni. Elezioni cruciali. Al momento, in Israele c’è un campo liberale che lotta per preservare lo status quo e un campo reazionario-rivoluzionario che cerca di scuotere l’intera realtà politica. I reazionari preferiscono definirsi conservatori, perché è un nome rispettabile, ma non c’è nulla di conservatore in quello che vogliono: Vogliono cancellare 60 anni di progresso. Negli ultimi 15 anni, l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu ha raccolto intorno a sé organizzazioni e persone che si definiscono “conservatrici” – il Kohelet Forum, Im Tirtzu e altri – che vogliono cambiare radicalmente Israele. Il Kohelet Forum sta cercando di importare concetti in Israele, attraverso il denaro di un oligarca che ha partecipato all’insurrezione del 6 gennaio negli Stati Uniti. Gli obiettivi di questi concetti sono l’avanzamento della superiorità ebraica, un ordine sociale tradizionale e la ricacciata delle minoranze e delle donne negli anni Cinquanta.

Il motivo è semplice: Il campo reazionario vuole, innanzitutto, completare l’occupazione della Cisgiordania e cacciare i palestinesi rendendo la loro vita insopportabile. Il campo reazionario ha creato insediamenti di welfare-state utilizzando il denaro pubblico israeliano; allo stesso tempo, sta combattendo per impedire uno stato sociale in Israele. Il problema dei reazionari è che in Israele esistono ancora forze che si oppongono al regime di apartheid instaurato negli insediamenti. Percepiscono i tribunali, che qua e là fermano l’acquisizione di terre private palestinesi, come un problema speciale. I tribunali e ciò che resta del campo liberale in Israele sono il vero nemico: ritardano, a volte, la diffusione dell’occupazione e osano inculcare in Israele valori non basati sull’odio.

Perciò il campo reazionario deve sconfiggere i liberali. I nostri reazionari hanno bisogno di ottenere vittorie schiaccianti per attuare contro di noi lo stesso metodo che usano contro i palestinesi: la disperazione. Netanyahu probabilmente non è reazionario fino a questo punto, ma non importa. Il Likud, che un tempo era un movimento liberale, è stato sottoposto a un’acquisizione ostile da parte dei reazionari. Se Netanyahu riuscirà a farsi eleggere di nuovo, dipenderà dai reazionari. Poiché non ha alcun impegno reale, se non quello di sottrarsi alla giustizia, e poiché vuole vendicarsi del campo liberale per averlo allontanato dalla guida del governo, nella prossima Knesset – se vincerà – perseguiterà chiunque non sia un reazionario.

Il successo dei reazionari negli Stati Uniti sulla questione dell’aborto porterà a tentativi di emulazione in Israele. Il nostro libertarismo religioso è un copia-incolla dagli Stati Uniti, guidato dai reazionari americani. Questo porterà alla selezione dei giudici da parte della Knesset, per cui i giudici saranno “loro”, e riempiranno il governo di conservatori di ultra-destra per approvare leggi che cambieranno il regime e rafforzeranno l’occupazione.

Il modello sarà Ayelet Shaked. Pensate a un intero governo con cloni della Shaked. Il parlamentare del Sionismo religioso Simcha Rothman ha già promesso che ciò che i reazionari hanno fatto negli Stati Uniti negli anni ’50, lui e i suoi colleghi lo faranno in meno tempo.

Ma è ancora nelle nostre mani. Sono ancora una minoranza. Il 1° novembre si svolgerà la nostra ultima battaglia per la democrazia. Non è mai stato un esempio di democrazia liberale. Difettosa, traballante, tendente all’autoritarismo, ma pur sempre democrazia. Nessuno osi assentarsi”.

Più chiaro di così…

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile