Top

Biden in Israele: quelle 9 parole che gelano la speranza di pace

Nel discorso di Biden in Israele, la parola pace è stata citata una sola volta.

Biden in Israele: quelle 9 parole che gelano la speranza di pace
Joe Biden

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

14 Luglio 2022 - 14.34


Preroll

“Dammi tre parole…”. Iniziava così il ritornello della canzone di Valeria Rossi che spopolò nell’estate del 2001. 

OutStream Desktop
Top right Mobile

Mi è tornato in mente leggendo e riflettendo sulle “9 parole” pronunciate da Joe Biden al suo arrivo in Israele. Nove parole che gelano la speranza di pace.

Middle placement Mobile

Quelle 9 parole

Dynamic 1

A darne conto, in un’analisi magistrale su Haaretz, è Noa Landau.

Scrive Landau: “Nel corso degli anni, le cerimonie di benvenuto in Israele per i presidenti americani includono solitamente diversi motivi che si ripetono, indipendentemente da chi siano i padroni di casa o gli ospiti. Tra questi motivi – che sono davvero simili al tappeto rosso e all’esecuzione degli inni nazionali americano e israeliano – nei discorsi si fa regolarmente riferimento al legame “indissolubile” tra i Paesi, alla Bibbia e all’Olocausto, nonché alla tecnologia e alla difesa. Ma al di là di questo, i discorsi sono sempre caratterizzati dall’aspirazione alla pace, che sia autentica o meno. Che il presidente americano in visita sia Barack Obama o Donald Trump, la parola pace è sempre stata generosamente spruzzata nei discorsi, anche quando non c’era dubbio che si trattasse di un gesto vuoto, di una foglia di fico. Ma alla cerimonia di benvenuto di mercoledì all’aeroporto internazionale Ben-Gurion per il presidente Joe Biden, la disperazione e la stanchezza erano più evidenti che mai. Dopo anni in cui il potere è stato detenuto dalla destra, il Primo Ministro Yair Lapid, rappresentante del centro-sinistra israeliano, è salito sul podio senza nominare nemmeno una volta la parola “pace”. Ci sono stati riferimenti alla democrazia, alla libertà, al sionismo e alla Bibbia, così come all’alta tecnologia e alla sicurezza. Ma niente sulla pace. Il più vicino a tale riferimento è stato un accenno a legami più stretti con l’Arabia Saudita. Lapid ha detto a Biden: “Durante la sua visita, discuteremo di questioni di sicurezza nazionale. Discuteremo della costruzione di una nuova architettura economica e di sicurezza con le nazioni del Medio Oriente, in seguito agli accordi di Abraham e ai risultati del vertice del Negev”.

Dynamic 2

La pace si è trasformata in architettura. Quindi, d’ora in poi, Israele cercherà l’architettura in Medio Oriente. Nel discorso di Biden, la parola pace è stata citata una sola volta. Ha anche usato la parola integrazione. (“Continueremo a far progredire l’integrazione di Israele nella regione”). Ma la vera politica del Presidente degli Stati Uniti sulla questione israelo-palestinese è stata rivelata in poche parole, tra parentesi, mormorate a sproposito e a malapena comprese: “Discuteremo del mio continuo sostegno – anche se so che non è a breve termine – [per] una soluzione a due Stati. Questa rimane, a mio avviso, il modo migliore per garantire un futuro di libertà, prosperità e democrazia in egual misura sia per gli israeliani che per i palestinesi”.

Le nove parole “anche se so che non è a breve termine” hanno reso più chiaro di qualsiasi altra cosa il senso di disperazione con cui l’amministrazione presidenziale vede l’argomento e quanto debole o inesistente sia la motivazione per affrontarlo. Meno di quella di Obama e persino di quella di Trump. Sotto Biden, sembra che gli Stati Uniti vogliano solo liberarsi del fardello israelo-palestinese. L’impegno degli Stati Uniti per una soluzione a due Stati non è mai suonato così debole e denigrato come nelle osservazioni di Biden sul tappeto rosso dell’aeroporto. L’unica persona che ha osato parlare chiaramente di pace – pace vera, non architettura regionale o integrazione – è stato il presidente di Israele, Isaac Herzog, il cui discorso è sembrato un po’ più del genere tradizionale che ci si aspetta da qualcuno del centro-sinistra israeliano.

Dynamic 3

Sono ormai diversi anni che la parola pace è stata esclusa dal discorso israelo-palestinese. Si potrebbe sostenere che la disperazione e il cambiamento del discorso riflettano un approccio più pragmatico – meno ipocrisia e idealizzazione e più comprensione del fatto che, al momento, non esiste un orizzonte immediato per una soluzione.

Tutti i discorsi dell’ex Primo Ministro Benjamin Netanyahu sulla pace e la prosperità non sono serviti a nulla quando in pratica la sua politica è stata quella di fare l’esatto contrario. E quando si è arrivati al dunque, Biden ha apparentemente detto la verità: personalmente (non ha nemmeno detto gli Stati Uniti), sono ancora a favore di una soluzione a due Stati, ma è chiaro per me che non avverrà presto.

Dynamic 4

Si potrebbe anche sostenere che Lapid si sia in realtà adattato al mainstream israeliano (che trova tossica la parola pace) nel tentativo di evitare di dare munizioni alla campagna del Likud – e non è nemmeno importante come l’abbia chiamata esattamente, purché intenda portare avanti tale processo (ma lui ha questa intenzione). (Ma non ha questa intenzione).

E la verità è che più che cercare di trasmettere un messaggio pragmatico o franco, Biden ha cercato soprattutto di inviare al governo israeliano il messaggio che può rilassarsi quando si tratta dell’entità della pressione diplomatica che intende esercitare nel corso della visita. In altre parole, zero pressioni.

Dynamic 5

Mentre sul terreno Israele continua a espandere e creare insediamenti in Cisgiordania e ad autorizzare retroattivamente avamposti non autorizzati, insieme all’annessione de facto di tutta Gerusalemme e non solo, il debole messaggio di Biden sulla soluzione dei due Stati e l’assenza di un riferimento alla pace nel discorso di Lapid non solo descrivono la realtà. Creano anche una realtà.

Una realtà in cui nessuno vuole più la pace”.

Con questa amara verità Noa Landau conclude la sua analisi. 

Una visita “noiosa”

Dal gelo alla noia. Così la racconta, sempre sul giornale progressista di Tel Aviv, Amir Tibon: “Quando Joe Biden è atterrato all’aeroporto Ben-Gurion mercoledì pomeriggio, i media israeliani e statunitensi hanno cercato di creare un senso di drammaticità intorno al viaggio di quattro giorni in Medio Oriente che stava per iniziare. Sulla Cnn, un chyron lo descriveva come “controverso”, un riferimento alla parte in Arabia Saudita, che inizierà solo venerdì. In Israele, alcuni esperti hanno discusso per ore i gesti scambiati con il Primo Ministro Yair Lapid e con il leader dell’opposizione Benjamin Netanyahu, come se contenessero delle verità nascoste sulla sua preferenza nelle prossime elezioni israeliane. Il tentativo di creare un po’ di eccitazione intorno alla visita è comprensibile, ma destinato a fallire. Biden è il terzo Presidente degli Stati Uniti a visitare Israele dal 2013, e la sua visita è innegabilmente la più noiosa di tutte. Non si tratta però di una critica a Biden. Anzi, è vero il contrario: è un complimento. Il primo giorno della sua visita, senza particolari problemi e senza controversie, che ha incluso pugni e strette di mano all’aeroporto, una mostra di sistemi di difesa israeliani e una visita allo Yad Vashem, rappresenta un buon tipo di noia, che era mancata nelle relazioni tra Stati Uniti e Israele sotto i due predecessori di Biden. Quando Donald Trump è arrivato in Israele nel maggio 2017, i media non hanno dovuto creare un senso di dramma. È bastato piazzare una telecamera davanti all’erratico presidente americano nel suo primo viaggio all’estero da quando è entrato in carica e lasciare che il suo comportamento imprevedibile e la sua immatura comprensione del mondo parlassero da soli. Gli spettatori hanno riso quando Trump ha detto ai funzionari israeliani, poco dopo essere atterrato nello Stato ebraico dall’Arabia Saudita, che era “appena tornato dal Medio Oriente”. Ma la visita non è stata solo divertente; ha anche dimostrato che le relazioni tra Stati Uniti e Israele stavano andando in una direzione pericolosa sotto Trump e la sua anima gemella politica, l’allora primo ministro Netanyahu. La visita di Trump in Israele, come tutta la sua presidenza, è stata ottima per gli ascolti televisivi. Ma non è stata affatto positiva per Israele, che durante la sua presidenza si è trovata sempre più coinvolta nelle sgradevoli politiche partigiane di Washington. Trump e Netanyahu hanno evidenziato la crescente divisione degli Stati Uniti nei confronti di Israele e come la vecchia nozione di sostegno bipartisan di ferro stesse diventando sempre meno rilevante. Invece di cercare di contrastare questa tendenza – iniziata durante la presidenza di Barack Obama – Trump ha deciso di raddoppiarla e di usarla per i propri scopi politici. A proposito di Obama, anche la sua visita in Israele nel 2013 è stata un grande dramma televisivo: un incontro teso tra due rivali che avevano appena trascorso i quattro anni del primo mandato di Obama a scontrarsi su infinite divergenze politiche. La frattura tra Obama e Netanyahu è stata la storia principale di quella visita e, nonostante l’immagine memorabile dei due uomini che camminano con le giacche sulle spalle intorno a Ben-Gurion e sorridono, la tensione tra loro era impossibile da perdere. Così come la visita di Trump in Israele fu un preludio alla sua costante politicizzazione delle relazioni tra Stati Uniti e Israele, la visita di Obama fu un segno dell’imminente guerra con Netanyahu sull’Iran, che esplose due anni dopo nel suo famoso discorso davanti al Congresso degli Stati Uniti.

Ora, andate avanti fino alla visita di Biden e confrontatela con i due precedenti sbarchi presidenziali.

Drammatico? Difficile da trovare, soprattutto se si considera che Biden aveva già visitato Israele nove volte in precedenza. Dani Dayan, presidente dello Yad Vashem, ha dichiarato alla radio israeliana che il Presidente degli Stati Uniti ha visitato il Memoriale dell’Olocausto così tante volte che, se volesse, potrebbe lavorare come guida. ensioni? È probabile che trapeli qualche dissenso tra Biden e Lapid sull’Iran e sull’Ucraina, ma impallidirà rispetto agli scontri tra Obama e Netanyahu del decennio precedente. Biden non è qui per presentare un nuovo piano di pace o per preparare Israele a nuovi negoziati con l’Iran. Sembra che lo scopo principale della sua visita sia quello di evitare un viaggio in Medio Oriente che consiste in un’unica tappa in Arabia Saudita.

Politica? Sì, Biden potrebbe cercare di utilizzare il viaggio per consolidare la già forte presa del suo partito sugli elettori ebrei in vista delle prossime elezioni di metà mandato. Ma tra l’inflazione, l’aborto e altri fattori interni, quanti elettori sceglieranno davvero i loro membri del Congresso quest’autunno sulla base del viaggio estivo di Biden in Israele, che sarà già dimenticato a novembre? Pochissimi.

Questa è davvero una visita noiosa – insiste Tibon –  e Israele dovrebbe esserne grato. Abbiamo visto come finisce il dramma di Trump, e nessuno a Gerusalemme ha nostalgia degli anni tesi di Obama. Israele sta meglio con un presidente che viene qui per 48 ore, vede una batteria Iron Dome, si impegna a impedire all’Iran di dotarsi di armi nucleari, saluta la squadra americana ai giochi di Maccabiah e passa alle sue prossime sfide più urgenti”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile