Top

Draghi in Israele: il nostro promemoria interessato

E l’idea di giustizia, legalità che anima le autorità israeliane nei riguardi dei palestinesi, un popolo sotto occupazione.

Draghi in Israele: il nostro promemoria interessato
Palestinesi

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

9 Giugno 2022 - 17.28


Preroll

Prossimamente, il presidente del Consiglio, Mario Draghi, si recherà in visita ufficiale in Israele. Per l’occasione, ci permettiamo di fornirgli alcuni articoli relativi ad una vicenda che racconta molto di ciò che non è la libertà in Palestina. E l’idea di giustizia, legalità che anima le autorità israeliane nei riguardi dei palestinesi, un popolo sotto occupazione.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Quelle Ong criminalizzate

Middle placement Mobile

Il primo documento è un editoriale di Haaretz, giornale di grande prestigio e diffusione in Israele.

Dynamic 1

Scrive Haaretz: “Sono passati otto mesi da quando il governo ha messo fuori legge sei organizzazioni della società civile in Cisgiordania come organizzazioni terroristiche. Questo avrebbe dovuto essere il tempo sufficiente per Israele per fornire prove che giustificassero la misura estrema del Ministro della Difesa Benny Gantz – che si addice a una dittatura militare, non a una democrazia. Ma durante questo periodo, dicono i diplomatici, Israele non ha presentato agli Stati europei prove sufficienti per dimostrare che queste organizzazioni hanno convogliato fondi al Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina, come sostenuto da Israele – un’accusa che le organizzazioni negano.

“Ci sono state fornite delle prove e non le abbiamo trovate abbastanza convincenti”, ha detto un diplomatico. Un altro ha detto che i funzionari della maggior parte degli Stati ritengono che le prove presentate da Israele “non soddisfano la soglia richiesta di prova del trasferimento di fondi”. Il ministro belga per la cooperazione allo sviluppo ha dichiarato a maggio che il governo di Bruxelles ha esaminato la questione e non ha trovato prove che confermino le affermazioni di Israele sulle organizzazioni che il Belgio sostiene. A dicembre, la Danimarca ha dichiarato di non aver ricevuto prove a sostegno delle affermazioni di Israele. In assenza di prove sufficienti, ad aprile gli esperti delle Nazioni Unite hanno chiesto la ripresa dei pagamenti all’organizzazione che erano stati sospesi a causa delle accuse di Israele. Inoltre, non si prevede che l’Ufficio antifrode della Commissione europea, Olaf, apra un’indagine sulle organizzazioni dopo l’inchiesta iniziale.

Dynamic 2

Le Ong classificate come organizzazioni terroristiche sono Addameer, che fornisce assistenza legale ai prigionieri palestinesi, raccoglie dati sui detenuti amministrativi e si oppone alla tortura; Al-Haq, che documenta le violazioni dei diritti umani dei palestinesi in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza; Defense for Children International-Palestine, che monitora l’uccisione di bambini e la situazione dei minori arrestati; l’Unione dei Comitati per il Lavoro Agricolo, che aiuta i contadini palestinesi; l’Unione dei Comitati Femminili Palestinesi; e il Bisan Center for Research & Development. Sono tutte organizzazioni per i diritti umani serie e di lunga data, conosciute a livello internazionale. Metterle fuori legge è stata un’escalation nella battaglia di Israele contro gli oppositori dell’occupazione, una battaglia che richiede la distruzione della distinzione tra la lotta legittima e quella violenta. È disgustoso che questa misura sia stata promulgata dal governo del cambiamento, presumibilmente un governo che ha promesso di proteggere la democrazia. Il minimo che ci si potrebbe aspettare da Israele dopo una mossa così aberrante è di fornire alle organizzazioni in questione le prove fondamentali della dichiarazione. Israele non l’ha fatto, sostenendo che la decisione era basata su informazioni riservate. La mancanza di trasparenza non lascia altra scelta che concludere che si tratta di una persecuzione politica e di un tentativo di mettere a tacere gli oppositori dell’occupazione. Invece di trincerarsi nella sua posizione e fare ulteriori danni, sarebbe meglio che Gantz rimuovesse immediatamente questi gruppi dalla lista delle organizzazioni terroristiche”.

Così l’editoriale.

Dynamic 3

“A fianco di chi aiuta i più indifesi”.

L’altro contributo che ci permettiamo di sottoporre alla Sua attenzione, è opera di Moria Shlomot, avvocato, direttrice esecutiva di Parents Against Child Detention.

Dynamic 4

Scrive, sempre su Haaretz, Shlomot: “Come molte persone in Israele e all’estero, e come l’amministrazione del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, sono rimasto scioccato dalla dichiarazione del Ministro della Difesa Benny Gantz che designa sei Ong della società civile palestinese – indiscutibilmente organizzazioni per i diritti umani – come organizzazioni terroristiche.

Tra queste “organizzazioni terroristiche”, secondo il ministro della Difesa, ci sono Al-Haq, una pluripremiata organizzazione per i diritti umani con una reputazione internazionale di alto profilo; la sezione palestinese di Defense for Children International, che protegge i diritti dei minori palestinesi; e Addameer Prisoner Support and Human Rights Association, che difende i prigionieri di sicurezza palestinesi e i detenuti rinchiusi nelle carceri e nei centri di detenzione sia israeliani che palestinesi. Sono lieto di dire che queste importanti e preziose organizzazioni hanno molti sostenitori. Spero che molti ritengano, come me, che questa mossa sia stata un passo eccessivo anche per coloro che preferiscono avere un approccio indulgente nei confronti delle azioni del nuovo “governo del cambiamento” di Israele. Sono a conoscenza dell’importante e significativo lavoro del Dcip, e in particolare della sua preoccupazione per il benessere dei bambini arrestati da Israele, in particolare rappresentandoli davanti alla procura militare, sostenendoli durante i procedimenti giudiziari e fornendo assistenza diretta e indiretta dopo il loro rilascio dalla detenzione nelle carceri israeliane. Per questo motivo ritengo che designare questa quasi santa Ong come organizzazione terroristica sia come dichiarare il Consiglio Nazionale per l’Infanzia di Israele una filiale di al Qaeda, o affermare che fuori è buio a mezzogiorno: una follia intollerabile e imperdonabile.

Dynamic 5

Secondo il poco materiale divulgato su cui si basa la dichiarazione per designare Defense for Children International-Palestine come organizzazione terroristica, si sostiene che l’organizzazione guida la campagna per accusare Israele di maltrattare i minori palestinesi detenuti. Ebbene, il fatto è che Israele maltratta i minori palestinesi detenuti. Migliaia di minori palestinesi sono detenuti ogni anno con tecniche e metodi che costituiscono una violazione fondamentale dei loro diritti (dall’irruzione nelle loro case nel cuore della notte, all’ammanettamento, alla bendatura, alla negazione dell’assistenza legale prima dell’interrogatorio, fino alle minacce, all’umiliazione e all’uso della violenza durante gli interrogatori). Sì, Israele abusa dei minori, delle loro famiglie e di intere comunità. Se chi fa questa affermazione è un terrorista, allora io sono un fiero terrorista. Nell’ambito della nostra attività di Genitori contro la detenzione dei bambini, denunciamo queste pratiche in modo che ogni genitore, ogni fratello, sorella, zio o nonna sappia che questi abusi vengono perpetrati a nome di tutti noi, giorno dopo giorno e notte dopo notte, contro molti bambini palestinesi in Cisgiordania e a Gerusalemme Est.

Conosciamo i dati e i rapporti del Dcip e ci affidiamo ad essi e ai rapporti di altre organizzazioni. Conosciamo e apprezziamo il lavoro dei coraggiosi membri di Defense for Children International-Palestine, lo sosteniamo, ci affidiamo alle informazioni credibili da essa pubblicate e speriamo che l’organizzazione abbia accesso a numerose risorse per espandere ulteriormente la sua attività.

Finora non abbiamo sentito alcun dettaglio da parte del Ministero della Difesa sulle ragioni concrete di questo drammatico annuncio, che cambia il volto della realtà sotto molti aspetti. Per questo motivo, con dolore e orrore, mi affido al comunicato stampa della spregevole organizzazione Ong Monitor. Secondo la loro dichiarazione ai media, il Dcip ha formulato e promosso progetti di legge introdotti dalla rappresentante degli Stati Uniti Betty McCollum, democratica del Minnesota, che chiedono di “sanzionare gli aiuti militari degli Stati Uniti a Israele”.

 McCollum ha presentato una legge che impedirebbe alle forze di sicurezza israeliane di utilizzare i fondi degli aiuti militari statunitensi per detenere i bambini palestinesi. Non si tratterebbe di bloccare o ridurre gli aiuti, ma piuttosto di promettere ai contribuenti statunitensi che le loro tasse non saranno utilizzate per attività vietate dal diritto internazionale (Convenzione sui diritti del fanciullo) e dalla stessa legge israeliana (Legge sui giovani [Processo, punizione e trattamento]).

Viviamo in un mondo folle e sottosopra, se il terrorista è colui che protegge i diritti dei bambini, che lavora per loro e li salva da coloro che impongono loro un sistematico terrore politico.

 Non si rispetta e si sminuisce il termine “terrore”, che caratterizza le azioni che danneggiano arbitrariamente persone innocenti per portare avanti programmi politici. Ma c’è di più: C’è un vero e proprio disprezzo per la lotta genuina che deve essere adottata contro il terrore di qualsiasi tipo.

La dichiarazione di Gantz è come un premio alle organizzazioni terroristiche vere e proprie. È un colpo alla lotta nonviolenta dei palestinesi per la libertà e l’indipendenza. Se il DCIP è un’organizzazione terroristica, come dovremmo chiamare le milizie armate che fanno del male ai bambini? Come dovremmo chiamare le organizzazioni che negano ai bambini i loro diritti e mettono in pericolo il loro benessere e la loro sicurezza? Se il Dcip è un’organizzazione terroristica, come dovremmo chiamare le Forze di Difesa Israeliane?”.

Le giriamo la domanda, presidente Draghi.

Quella lettera illuminante

Per aver preso le parti delle Ong criminalizzate, Laura Boldrini, parlamentare dem, già presidente della Camera dei deputati, fu accusata del peggio dall’Ambasciata israeliana in Italia.

“Mi chiamo Ilan Baruch e sono un ex ambasciatore israeliano in Sudafrica e presidente del Policy Working Group, un collettivo di accademici israeliani di alto livello, ex ambasciatori e difensori dei diritti umani che sostengono e promuovono la trasformazione delle relazioni tra Israele e Palestina dall’occupazione alla convivenza basata su una soluzione a due stati. Vi scrivo per condividere con voi una lettera aperta che ho firmato insieme ad altri 13 personaggi pubblici israeliani a sostegno della deputata Laura Boldrini”. Inizia così una nota che accompagna una lettera in inglese firmata da 14 accademici e difensori dei diritti umani. “Come israeliani dediti alla pace e ai diritti umani- si legge nella missiva- esprimiamo il nostro sostegno alla deputata del Partito democratico Laura Boldrini, che attualmente sta affrontando un grave attacco da parte della destra in Italia e dall’ambasciata israeliana a Roma, a seguito dell’audizione del 20 dicembre della sottocommissione per i diritti umani al parlamento italiano, da lei stessa presieduta”. Nell’audizione, prosegue il testo, “la sottocommissione ha ospitato i direttori delle Ong palestinesi al-Haq e Admeer sul tema dell’inserimento, a ottobre scorso, di sei Ong palestinesi per i diritti umani nella lista delle organizzazioni terroristiche da parte di Israele. Da allora, la deputata Boldrini è stata accusata di sostenere il terrorismo”. Tuttavia secondo i firmatari “Israele finora non ha presentato nessuna prova concreta e credibile a sostegno di tali accuse. Così come la campagna diffamatoria contro Boldrini, anche la criminalizzazione israeliana delle sei Ong è motivata politicamente. Ha lo scopo di distruggere e togliere finanziamenti alle ong dedite alla resistenza non violenta all’occupazione israeliana, e alla difesa dei diritti dei palestinesi che- si legge ancora- sono sistematicamente violati da Israele nei Territori palestinesi occupati

La lettera prosegue: “Per anni, il governo israeliano ha condotto campagne aggressive per ridurre lo spazio civico per quelle ong che criticano la sua violenta occupazione della Palestina e che denunciano le sue violazioni sistematiche del diritto internazionale. Il governo israeliano ha esteso questa campagna in Europa e sta cercando di ridurre lo spazio parlamentare per i diritti umani”. Da qui la decisione dei membri del Policy Working Group di lanciare un appello ai paesi erupei: “Esortiamo i parlamentari europei a seguire l’esempio della deputata Boldrini, invitando i difensori dei diritti umani palestinesi a intervenire al Parlamento europeo per parlare della situazione in Palestina”. I firmatari, oltre all’ex ambasciatore Ilan Baruch, sono: Elie Barnavi, ex ambasciatore israeliano in Francia; Michael Ben-Yair, ex procuratore generale di Israele ed ex giudice della corte suprema; Yoram Bilu, vincitore del Premio Israele (2013); Roman Bronfman, ex membro della Knesset; Avraham Burg, ex presidente della Knesset ed ex capo dell’Agenzia Ebraica; Naomi Chazan, ex membro e vicepresidente della Knesset ed ex presidente di New Israel Fund; Itzhak Galnoor, ex capo della Commissione per il servizio civile israeliano; Zehava Galon, ex membro della Knesset ed ex presidente del partito Meretz; Miki Kratsman, vincitore del Premio Emet 2011; Alex Levac, vincitore del Premio Israele 2005; Alon Liel, ex direttore generale del ministero degli Affari Esteri israeliano ed ex ambasciatore israeliano in Sudafrica e in Turchia; Kobi Metzer, ex presidente della Open University of Israel; David Shulman, vincitore del Premio Israele 2016 e vincitore del Premio Emet 2010.

Lo scorso 21 ottobre l’ambasciata israeliana in Italia si era detta, in una nota, “scioccata” dal fatto che un terrorista condannato e due organizzazioni terroristiche come “Al-Haq” e “Addameer”, entrambe parte dell’organizzazione terroristica “Fronte popolare per la liberazione della Palestina” (“Fplp”), fossero state formalmente invitate a parlare in Parlamento.

“Questo invito – scriveva a rappresentanza israeliana in Italia – è un riconoscimento per il terrorismo e contrasta completamente con l’aspettativa dell’intera comunità internazionale di dissuadere e impedire alle organizzazioni terroristiche di operare dall’interno di strutture civili e di impedire che qualunque forma di finanziamento finisca nelle mani delle organizzazioni terroristiche”.

Presidente Draghi, accetti un consiglio disinteressato: quando sarà in Israele trovi il tempo per occuparsi anche di questo scempio di legalità e visto che c’è, chieda di poter incontrare i familiari di Shireen Abu Akleh, la giornalista palestinesi di al-Jazeera, uccisa a Jenin. Le autorità giudiziarie militari d’Israele hanno sentenziato che il caso è chiuso. Lo è anche per Lei?

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile