Top

Svezia e Finlandia vogliono la Nato: perché l'invasione di Putin dell'Ucraina ha cambiato tutto

La Finlandia e la Svezia hanno sempre avuto un orientamento completamente occidentale. Ma ora non si sentono più protette

Svezia e Finlandia vogliono la Nato: perché l'invasione di Putin dell'Ucraina ha cambiato tutto

Umberto De Giovannangeli

17 Maggio 2022 - 16.18


Preroll

Per chi sbeffeggia i pacifisti per il loro “neutralismo attivo”, consigliamo di leggere gli scritti di un grande giornalista e amico, Aldo Garzia, recentemente scomparso, tra i più profondi e acuti conoscitori della storia della socialdemocrazia scandinava e del suo leader più rappresentativo: Olof Palme. Una lettura più che utile è il libro di Garzia Olof Palme. Vita e morte di un socialista europeo (Editori Riuniti)

OutStream Desktop
Top right Mobile

Una riflessione preziosa

Middle placement Mobile

Intanto, riportiamo per i lettori di Globalist una parte dello scritto di Aldo per Il Manifesto. Scrive tra l’altro: “Il leader socialdemocratico Hjalmar Branting ricevette il Premio Nobel per la pace già nel 1921, poi nel secondo dopoguerra furono affidati importanti incarichi dell’Onu a personalità svedesi come Folke Bernadotte, Gunnar Jarring, Jan Eliasson e Rolf Ekéus. E in questa lista spicca il nome di Dag Hammarskjöld, segretario generale dell’Onu dal 1953 al 1961, quando morì in Congo a bordo di un aereo abbattuto dalla contraerea dei secessionisti del Katanga. Hammarskjöld aveva affrontato in precedenza la guerra di Corea nel biennio 1954-1955 e la crisi del Canale di Suez nel 1956.

Dynamic 1

L’arrivo di Palme alla leadership del governo imprime un’ulteriore svolta alla positiva tradizione svedese. Il neutralismo diventa “attivo”. Il premier di Stoccolma dà un’accelerazione a questa politica a iniziare dal 1975, dopo la Conferenza intergovernativa di Helsinki sulla sicurezza e la cooperazione in Europa (Csce), nella quale aveva preso posizione a favore della distensione e del graduale superamento dei blocchi guidati da Washington e Mosca.

Palme spezza la tradizione che equiparava il neutralismo all’isolazionismo. Lo fa intensificando prima il suo impegno per il Terzo mondo e la democratizzazione dei paesi europei guidati da dittature fasciste (Spagna, Portogallo, Grecia), poi occupandosi di Sudafrica, Medio oriente, Africa, America latina (visitò Cuba, Cile, Nicaragua).

Dynamic 2

Questa politica di Palme – va messo in evidenza – non sarebbe stata credibile se non avesse espresso autonomia assoluta dagli Stati Uniti e dall’Unione sovietica. La critica del modello sociale e politico di Washington era puntale, come quella delle società e delle politiche che avevano in Mosca il proprio punto di riferimento. Fin da quando – appena ventiduenne – visitò per la prima volta Praga (dove nel 1949 sposò la studentessa in medicina Jelena Rennerova per aiutarla ad abbandonare il paese d’origine) Palme divenne un critico radicale del “socialismo reale”. Nel 1968 condannò l’invasione della Cecoslovacchia nello stesso modo con cui aveva reagito alla repressione dei moti di Ungheria nel 1956. Lo stesso fece contro l’invasione dell’Afghanistan nel 1980.

Si schierò con uguale nettezza contro la guerra in Vietnam e l’apartheid in Sudafrica. Nel Natale 1972, appresa la notizia del bombardamento della città di Hanoi, rese pubblico un comunicato del governo svedese: “Non ci sono ragioni militari per i bombardamenti… Nella storia ce ne sono stati molti. E spesso hanno dei nomi: Guernica, Oradour, Baij Jar, Ridice, Sharpeville, Treblink. Ora c’è un altro nome da aggiungere alla lista: Hanoi”.

Dynamic 3

Nel 1980, il leader svedese decise di costituire una commissione indipendente di respiro internazionale, nota poi come Commissione Palme, per dare continuità all’impegno sui temi della sicurezza mondiale e del disarmo. In poco tempo ottenne l’adesione di personaggi di prestigio (da David Owen, ex ministro degli esteri della Gran Bretagna a Egon Bahr, tra i principali collaboratori dell’ex cancelliere tedesco Brandt; da Cyrus Vance, ex ministro degli esteri degli Stati uniti durante la presidenza di Carter, al sovietico Georgij Arbatov).

Alla fine del 1979 si era verificato l’evento che polarizzò tutte le energie della Commissione Palme: la Nato annunciò di voler installare 572 missili nucleari (Pershing e Cruise) nell’Europa dell’Ovest (Olanda, Gran Bretagna, Germania, Belgio e Italia), se il Patto di Varsavia non avesse desistito dal collocare centinaia di missili SS-20 nell’Europa dell’Est. La Commissione Palme si adoperò dal 1980 per tenere aperto il dialogo tra Est e Ovest proponendo una zona dell’Europa che fosse neutrale e disarmata dai Pirenei all’Atlantico (una riunione internazionale si tenne a Roma, dove s’incontrarono Palme ed Enrico Berlinguer).

Dynamic 4

Alla fine di gennaio 1986 Palme viaggiò a New Delhi per tenere la relazione a un convegno internazionale per commemorare Indira Gandhi assassinata nel 1984. Poche settimane dopo, a Palme toccava lo stesso destino: il 28 febbraio 1986 un killer lo avrebbe assassinato in una delle vie principali di Stoccolma. In questo 2022 il “neutralismo attivo” barcolla”, conclude Garzia.

“Barcolla” e cede.

Dynamic 5

La paura fa…Nato

Di grande interesse è il report, su Haaretz, di David Stavrou: “Fino a pochi mesi fa, nessuno avrebbe scommesso sull’adesione di Finlandia e Svezia alla Nato, tanto meno in tempi brevi. L’opinione pubblica si opponeva all’idea, così come le istituzioni politiche di entrambi i Paesi; il sistema politico di nessuno dei due Paesi era costruito per prendere decisioni rapide in materia di difesa; e soprattutto, entrambi i Paesi avevano una tradizione pluridecennale di evitare alleanze militari.

Nel caso della Svezia, si trattava di un approccio ideologico. L’ultima volta che la Svezia è stata coinvolta in una guerra è stato nel 1814. Nel corso del XX secolo, ha cercato di posizionarsi come superpotenza umanitaria che, invece di schierarsi nelle guerre, cercava di mediare tra le parti, sostenendo anche le istituzioni internazionali, mediando i conflitti e accogliendo i rifugiati. Così, è rimasta apparentemente neutrale nella Seconda guerra mondiale e non allineata durante la Guerra fredda. Nel caso della Finlandia, la sua neutralità derivava dalla paura della superpotenza della porta accanto. La Finlandia confina con la Russia per oltre 1.300 chilometri. Un tempo faceva parte dell’Impero russo, ha combattuto contro l’Unione Sovietica durante la Seconda Guerra Mondiale ed è stata minacciata da Mosca durante la Guerra Fredda. Dopo il crollo dell’Unione Sovietica, l’ultima cosa che voleva era essere coinvolta in un nuovo conflitto con i russi.

Ma poi la Russia ha invaso l’Ucraina e le politiche di non allineamento di entrambi i Paesi si sono dissolte.

La Finlandia e la Svezia hanno sempre avuto un orientamento completamente occidentale. E in pratica, è un segreto aperto che hanno collaborato con la Nato per anni. Ma l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha rivelato una falla: se l’Ucraina può essere attaccata senza pietà dalla Russia mentre il mondo si accontenta di sanzioni economiche e condanne, chi proteggerà la Svezia e la Finlandia? Dopotutto, proprio come l’Ucraina, sono Paesi indipendenti che non sono sotto la protezione dell’alleanza Nato, e in particolare dell’articolo 5 del trattato che stabilisce che un attacco contro un Paese Nato è considerato come un attacco contro tutti. Di conseguenza, l’invasione dell’Ucraina ha prodotto un’inversione di tendenza nell’opinione pubblica finlandese e svedese. Subito dopo l’invasione, i sondaggi pubblicati in entrambi i Paesi hanno mostrato che per la prima volta nella storia c’era un ampio sostegno pubblico all’adesione alla Nato.

Una brutta settimana per Putin, una buona settimana per la rinascita della Nato

In Finlandia, 50.000 persone hanno firmato una petizione per entrare a far parte dell’Alleanza, e il parlamento ha avviato febbrili discussioni che sono culminate con la dichiarazione congiunta del Primo Ministro Sanna Marin e del Presidente Sauli Niinisto: “La Finlandia deve richiedere l’adesione alla Nato senza indugio”. Per consentire l’attuazione di questa decisione, il parlamento terrà una votazione sulla questione nei prossimi giorni.

La Svezia non è da meno. Il ministro della Difesa Peter Hultqvist, che in passato aveva affermato che “finché sarò ministro della Difesa, posso promettere che non entreremo nella Nato”, la scorsa settimana ha dichiarato all’emittente nazionale svedese che “la difesa reciproca nordica sarà rafforzata se Svezia e Finlandia entreranno a far parte della Nato”. Spiegando perché ha cambiato posizione, ha detto: “C’è prima del 24 febbraio e dopo il 24 febbraio”, riferendosi alla data in cui la Russia ha invaso l’Ucraina. Nel fine settimana, una commissione parlamentare ha presentato un rapporto sul peggioramento della situazione della sicurezza in Svezia in seguito all’invasione dell’Ucraina. Molti hanno visto in questo un ulteriore sostegno ai sostenitori dell’adesione alla Nato. Il partito socialdemocratico al governo ha annunciato domenica di aver cambiato posizione e di voler sostenere l’adesione alla Nato, e ha preso la decisione formale di candidarsi lunedì dopo un dibattito in parlamento.

“In Finlandia, la questione dell’adesione alla Nato è sempre stata pratica, ma in Svezia è un argomento più delicato”, afferma Hans Wallmark, un parlamentare svedese veterano del partito moderato di centro-destra che da anni sostiene l’adesione alla Nato. “Per una parte della sinistra, non essere un membro della Nato era quasi una posizione religiosa, quindi per alcuni politici sostenere l’adesione alla Nato è come convertirsi a un’altra religione. Pertanto, è difficile e doloroso.

“Quando la Russia ha invaso l’Ucraina e i finlandesi hanno iniziato il processo di adesione, il Partito socialdemocratico svedese è stato più o meno spinto a partecipare al processo”, aggiunge Wallmark, che è vicepresidente della commissione parlamentare per gli Affari esteri. Tuttavia, ha aggiunto, la Svezia non dovrebbe aderire alla Nato solo perché costretta, ma perché è la cosa giusta da fare.

“Ci sono tre ragioni per cui la Svezia dovrebbe entrare nella Nato”, continua. Innanzitutto, l’articolo 5 del trattato Nato, con il principio “uno per tutti e tutti per uno”. In secondo luogo, c’è la necessità di una pianificazione congiunta della difesa con altri Paesi della regione e, in terzo luogo, si tratta di una questione di solidarietà con i Paesi europei e nordamericani”.

Potere deterrente contro la Russia

Dall’altra parte del Mar Baltico, Jouni Ovaska, membro del Parlamento finlandese in rappresentanza del Partito di Centro dal 2019, ha espresso molti degli stessi punti del suo collega svedese. In qualità di membro della commissione Affari esteri del suo parlamento, è anche coinvolto nei procedimenti parlamentari per consentire la candidatura della Finlandia all’adesione.

“L’adesione alla Nato garantirà la sicurezza della Finlandia, grazie al notevole potere deterrente dell’Alleanza”, ha dichiarato. “E naturalmente la cosa più importante è l’articolo 5 del trattato”.

Ciononostante, secondo l’oratore, la Finlandia deve continuare a investire nelle proprie forze armate e ad addestrare i propri soldati, proprio come ha fatto finora, e continuare a coltivare gli altri partenariati internazionali. L’Unione Europea è il nostro partner principale e la maggior parte dei Paesi europei sono membri della Nato”, ha sottolineato. “Spero che l’adesione rafforzi i Paesi europei in modo che possano occuparsi della difesa da soli. La Svezia è il nostro partner più vicino e se, come tutti i Paesi nordici, diventerà membro della Nato, garantirà una maggiore sicurezza all’intera regione”.

Ovaska afferma che i finlandesi si sono mossi molto rapidamente per entrare nella Nato. “Il 24 febbraio ha cambiato tutto”, afferma. “Abbiamo collaborato con la Russia in passato, ma l’invasione dell’Ucraina ha dimostrato che non possiamo fidarci. Per questo abbiamo ripensato la situazione. L’opinione pubblica è cambiata molto rapidamente, più rapidamente di quanto sia avvenuto tra i funzionari eletti”.

Afferma che il cambiamento nell’opinione pubblica è derivato direttamente dalla guerra in Ucraina: “Quello che è stato fatto all’Ucraina ha fatto riaffiorare i ricordi del passato. Non è una cosa del XXI secolo, ci ricorda atrocità di molti anni fa e dobbiamo cambiare”.

Tuttavia, c’è chi si oppone all’adesione all’alleanza militare. Il Partito Verde svedese, ad esempio, sostiene che la Svezia dovrebbe essere una potenza indipendente che promuove la democrazia e la pace nel mondo, non parte di un’alleanza militare che possiede e basa il suo potere sulle armi nucleari. Secondo il Partito di Sinistra, la Svezia si difenderà meglio se aderirà alla politica di astensione dalle alleanze militari, che secondo il partito ha servito bene il Paese per molte generazioni.

I due partiti che si oppongono all’adesione alla Nato hanno in totale poco più di 40 seggi su 349 nel Parlamento svedese. In Finlandia, l’opposizione è ancora più ridotta e, a questo punto, si sente solo ai margini.

Sembra quindi che l’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato sia inevitabile, anche se il processo non è breve. “Dopo aver presentato la richiesta ufficiale a Jen Stoltenberg, il segretario generale della Nato, a Bruxelles, Svezia e Finlandia entreranno in quello che viene chiamato Membership Action Plan”, spiega la professoressa Ann-Sofie Dahl.

Dahl, che vive in Danimarca e lavora come senior fellow presso l’Atlantic Council di Washington, ha scritto molto sull’alleanza Nato. “Di solito si tratta di un processo che richiede molto tempo, ma la Svezia e la Finlandia sono molto vicine alla Nato, per cui questa volta si tratterà solo di un processo formale che probabilmente richiederà solo uno o due giorni”, afferma l’autrice, spiegando che il processo iniziale sarà seguito da quello di ratifica.

“Cercheranno anche di accelerare questa fase, ma poiché è necessaria l’approvazione dei parlamenti dei 30 Paesi membri, probabilmente ci vorranno almeno quattro o sei mesi prima che l’adesione formale dei due Paesi diventi effettiva”, afferma Dahl.

Naturalmente, sia in Svezia che in Finlandia c’è una certa preoccupazione per il periodo intermedio tra la decisione e la validità dell’adesione. Dahl nota le garanzie di sicurezza ottenute negli ultimi mesi. “Il primo ministro britannico Boris Johnson ha visitato Svezia e Finlandia questo mese e ha dichiarato che il Regno Unito garantirà la sicurezza dei due Paesi”, afferma Dahl. “

Si tratta di una dichiarazione molto importante, perché la Gran Bretagna è un attore importante oltre che una potenza nucleare”, osserva, aggiungendo che apparentemente c’è un impegno meno ufficiale e meno palese da parte della Casa Bianca. È noto che il presidente finlandese si è incontrato a Washington con il presidente Joe Biden e che anche il ministro degli Esteri svedese ha recentemente avuto incontri nella capitale statunitense. Inoltre, il primo ministro svedese Magdalena Andersson e il primo ministro finlandese Sanna Marin si sono recati in visita a Berlino e hanno ricevuto dal cancelliere Olaf Scholz la promessa che i loro Paesi “possono contare sul sostegno tedesco se presentano una richiesta di adesione alla Nato”.

“Penso che dopo la decisione di aderire alla Nato – e certamente dal momento in cui la candidatura sarà presentata – vedremo molto ‘rumore russo’, ma non un assalto militare”, dice Dahl. “Potremmo vedere cose come un cyberattacco o un attacco di disinformazione, ma Mosca è impegnata in Ucraina e probabilmente, come è successo durante il precedente processo di espansione della Nato, la Russia farà molto rumore – ma poi continuerà come al solito”.

Anche Wallmark, vicepresidente della Commissione Affari Esteri del Parlamento svedese, è consapevole dell’attesa sciabolata di Mosca. Tuttavia, prevede che “il Cremlino abbaierà, ma niente di più”. Per il suo collega finlandese, Ovaska, è difficile dire quale sarà la reazione russa. “Siamo pronti a prendere decisioni e siamo pronti ad affrontare qualsiasi cosa accada a causa di esse”, afferma. “Ma è importante ricordare che anche quando faremo parte della Nato, la Russia rimarrà il nostro vicino. È importante che in futuro, in qualche modo, troviamo un modo per cooperare con loro”, conclude Stavrou.

Un futuro a ombre oscure.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage