Top

Israele, terrore e crisi di governo: una miscela esplosiva

L'attacco, il quarto dal 22 marzo, sembra già far parte di una lunga offensiva terroristica. Anche se non è stata ancora identificata una mano guida, questo cambia fondamentalmente la realtà diplomatica e di sicurezza tra Israele e i palestinesi.

Israele, terrore e crisi di governo: una miscela esplosiva
Tel Aviv

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

8 Aprile 2022 - 14.12


Preroll

Globalist ne ha scritto più volte nei giorni scorsi: in Palestina è scoppiata la terza Intifada? Quel punto di domanda viene meno dopo il duplice attacco di ieri a Tel Aviv.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Miscela esplosiva

Middle placement Mobile

Terrore e crisi di governo. Ne parla su Haaretz, Amos Harel, il più autorevole analista militare israeliano.

Dynamic 1

“Dopo più di una settimana di tregua – scrive –  giovedì il terrore è tornato nel centro di Israele. Almeno due civili sono stati uccisi e altri dieci feriti in una sparatoria in Dizengoff Street, nel centro di Tel Aviv. Durante la notte, la polizia stava ancora conducendo una vasta caccia al sospetto. Alla fine è stato identificato nelle prime ore del venerdì mentre si nascondeva vicino a una moschea a Jaffa, ed è stato ucciso da una forza speciale della polizia e dello Shin Bet. Il terrorista è un palestinese della Cisgiordania settentrionale. Il primo ministro Naftali Bennett ha tenuto una riunione sulla sicurezza al quartier generale militare giovedì sera. L’attacco, il quarto dal 22 marzo, sembra già far parte di una lunga offensiva terroristica. Anche se non è stata ancora identificata una mano guida, questo cambia fondamentalmente la realtà diplomatica e di sicurezza tra Israele e i palestinesi. Sembra che l’accumulo di attacchi costringerà il governo a imporre restrizioni di movimento tra i territori e Israele, contraddicendo l’intenzione dichiarata dal governo.

La situazione di Bennett è ulteriormente complicata dal doppio movimento delle preoccupazioni politiche e di sicurezza che si stanno accumulando. In cima alla più grave crisi di sicurezza in un anno, il governo Bennett-Lapid sta affrontando la sua sfida politica più seria finora. Le dimissioni del capogruppo della coalizione, Yamina MK Idit Silman, hanno lasciato la coalizione con lo stesso numero di seggi dell’opposizione, creando una situazione di stallo 60-60. Questa realtà renderà molto difficile al governo di funzionare a lungo termine. Infatti, sembra che Bennett sia tenuto in ostaggio, non solo da ogni ultimo backbencher della Knesset, ma anche dal prossimo terrorista. La sparatoria, iniziata poco prima delle 21, è stata immediatamente definita dalle forze di sicurezza come un attacco terroristico. Tutti e quattro i recenti attacchi – Be’er Sheva, Hadera, Bnei Brak e Tel Aviv – condividono alcune caratteristiche. Tutti hanno preso di mira grandi città all’interno dei confini pre-1967 di Israele e sono stati compiuti da uno o due aggressori.

Dynamic 2

Nessuno degli attacchi è stato preceduto da un dettagliato allarme di intelligence. Le forze di sicurezza sono profondamente disturbate dalla mancanza di intelligence, in quanto rende più difficile per loro concentrarsi su minacce specifiche e le costringe a gettare la rete più ampia possibile – senza intelligence e con dubbia efficacia. Finora, non è emerso nulla che indichi che i terroristi stavano lavorando sotto ordini espliciti e la chiara gerarchia di un’organizzazione terroristica. I terroristi di Be’er Sheva e Hadera erano arabi israeliani che erano stati identificati da funzionari della difesa come sostenitori dello Stato Islamico. Due dei recenti attentatori erano ex prigionieri che hanno scontato la pena per reati di sicurezza e per aver comunicato con membri dell’ISIS all’estero. L’attentatore di Bnei Brak era un palestinese di Jenin ed era indirettamente legato alla Jihad islamica. Tuttavia, non ci sono informazioni che indichino che stesse agendo per conto dell’organizzazione.

Venerdì scorso tre palestinesi dell’area di Jenin sono stati uccisi in uno scontro con le forze dell’unità speciale antiterrorismo della polizia, e quattro poliziotti sono stati feriti. Almeno uno dei morti era anche legato alla Jihad islamica. Lo Shin Bet ritiene che la cellula armata fosse in procinto di commettere un attacco vicino alla barriera di separazione. L’assalitore di giovedì è stato identificato come Raad Hazem, un 28enne di Jenin. Lo Shin Bet indagherà se avesse conosciuto qualcuno dei precedenti aggressori.

Dynamic 3

Il fatto che in tre degli ultimi cinque incidenti gli assalitori fossero di Jenin costringerà Israele a concentrare i suoi sforzi di sicurezza sulla città e sul campo profughi della Cisgiordania. Il governo sarà spinto a mostrare le misure offensive al pubblico israeliano. Le forze di sicurezza dell’Autorità Palestinese stanno cercando da anni di evitare di entrare nei campi profughi nel nord della Cisgiordania. A febbraio, durante una rara operazione israeliana per arrestare un sospetto di Hamas, due palestinesi sono stati uccisi in uno scambio di fuoco. Vent’anni fa, la battaglia nella città di Jenin è stata considerata la più dura durante l’operazione Scudo difensivo di Israele. Nel prossimo futuro, la città e il campo profughi potrebbero vedere una nuova azione. Hamas e la Jihad islamica potrebbero cercare di creare un rinnovato simbolo palestinese da qualsiasi conflitto armato lì dentro.  Le ultime due settimane hanno visto decine di palestinesi della Cisgiordania arrestati per sospetto di attività terroristica. Quasi 20 arabi israeliani sono stati anche arrestati per sospetti generici di simpatizzare con l’Isis. Il ministro della difesa Benny Gantz ha firmato una richiesta dello Shin Bet di detenere ulteriori individui sospettati di simpatizzare con l’Isis senza accuse: Un arabo israeliano e sette palestinesi di Gerusalemme Est.

Il quadro emergente, sullo sfondo del mese sacro del Ramadan, raffigura un assalto decentralizzato guidato da lupi solitari e piccole cellule logiche dalla Cisgiordania. In almeno due casi, gli attacchi sono stati anche promossi da arabi israeliani che erano islamisti radicali.

Dynamic 4

La componente centrale qui sono gli imitatori: La capacità dei terroristi di assassinare civili nel cuore di queste città, di lasciarsi dietro filmati (attraverso telecamere di sicurezza o documentazione di testimoni) e di seminare la paura tra il pubblico, dopo anni di relativa pace, sta ispirando ulteriori iniziative locali di altri terroristi Nonostante tutto questo, attualmente, non ci sono segni di proteste popolari violente diffuse in Cisgiordania. Tuttavia, se Israele dovesse porre delle restrizioni al movimento, ridurre il numero di lavoratori palestinesi autorizzati a lavorare negli insediamenti e all’interno di Israele, o, in particolare, limitare la libertà di culto sul Monte del Tempio – tutti passi che il governo ora prenderà in considerazione – potrebbe produrre il risultato opposto: Un’offensiva del terrore che inizia con aggressori individuali e cresce in una rivolta di massa.

D’altra parte, Bennett e il governo non hanno altra scelta che agire. Su loro ordine, l’esercito e la polizia hanno soffocato le fiamme due settimane fa, schierando 20 battaglioni dell’esercito e un gran numero di poliziotti in tutta la Cisgiordania e Israele con l’obiettivo di contrastare gli attacchi terroristici.

Dynamic 5

Ogni effetto calmante che questi passi possono aver avuto è stato rapidamente dimenticato giovedì sera di fronte alle lugubri immagini di Tel Aviv che sono state trasmesse dall’etere di ogni stazione radio e canale televisivo israeliano. Nel centro della città, ore dopo l’attacco, il suono incessante delle ambulanze, delle sirene della polizia e delle motociclette dei paramedici e dei servizi di soccorso ha continuato a risuonare. Senza dubbio, i cittadini hanno sentito il loro senso di sicurezza personale scosso dopo anni di relativa tranquillità. Questa è la sfida che deve ora essere affrontata da un governo i cui giorni potrebbero essere contati dopo aver perso la sua maggioranza alla Knesset.

Il muro che si sgretola

Questa minaccia alla sicurezza non appartiene solo al primo ministro Naftali Bennett ma anche a Yair Lapid come primo ministro di transizione (in caso di elezioni anticipate). Anche Benny Gantz potrebbe avere a che fare con essa, se un governo Kahol Lavan-Likud dovesse essere istituito. Col tempo, l’assenza di stabilità interna in Israele è vista come una debolezza dai paesi vicini.

In ogni caso, è chiaro che il paese ha già fatto un primo passo nello stesso corridoio paralizzante delle elezioni che ha portato il governo a un arresto quasi totale nel 2019-2021. Cinque campagne elettorali in tre anni e qualcosa non sarebbero solo un record nazionale, ma spingerebbero Israele a livelli di disfunzione che caratterizzano paesi come l’Italia negli anni ’80 e ’90. I meccanismi del governo italiano hanno lottato per allocare le risorse o pianificare il futuro mentre i politici sopra di loro erano preoccupati della sopravvivenza.

Ma Bennett, che tutto sommato ha affrontato le complesse sfide della sicurezza con moderazione e buon senso, ha dimenticato di fare ordine nel suo stesso cortile. Le dimissioni di Silman dalla coalizione sono un’altra pietra staccata da un muro debole e cadente. È la piccola fazione del primo ministro della Knesset che presenta di volta in volta il pericolo maggiore per la coalizione. Yamina risulta avere una preoccupante concentrazione di persone con interessi acquisiti e senza spina dorsale (anche se Bennett stesso è stato il primo a rompere le sue promesse elettorali). Per tornare momentaneamente al mondo di immagini preferito di Bennett, tratto dalla sua giovinezza nell’unità d’elite del commando Sayeret Matkal: Come leader di Yamina, può essere paragonato al comandante di un’unità d’élite che si trova a condurre un’operazione con un gruppo di soldati fisicamente inadatti e demotivati.

Per uno spettatore, è chiaro che le prospettive di questo governo di portare a termine il suo intero mandato sono state molto ridotte mercoledì. Anche se un’elezione è ancora uno scenario complicato e lontano, l’agitazione politica aiuta la rivoluzione che il leader dell’opposizione Benjamin Netanyahu sta cercando di fomentare in un momento critico del suo processo, quando la testimonianza di Shlomo Filber, che ha trasformato la prova di stato, solleva il pericolo di un termine di prigione per l’ex primo ministro. Netanyahu, che si è congratulato con Silman per la sua defezione, che ha seguito mesi di molestie da parte dei suoi sostenitori nei social media e nella vita reale, sembrava con gli occhi gonfi per mancanza di sonno nel video clip che ha rilasciato mercoledì mattina.

Negli ultimi mesi, Netanyahu è apparso sempre più pallido, man mano che il suo processo progredisce e diventa difficile accendere gli elettori del Likud per partecipare alle frequenti manifestazioni indette a suo sostegno, alle quali partecipano solo una manciata di fan sfegatati. Le sue guance possono ora essere di nuovo più rubiconde, ma l’azzardo sta diventando più disperato alla luce delle sue ristrettezze giudiziarie. Resta da vedere cosa diranno il procuratore generale Gali Baharav-Miara e l’Alta Corte di Giustizia su un imputato in un processo penale che si candida a primo ministro durante il suo processo. Allo stesso tempo, le dichiarazioni dei portavoce che lo circondano non lasciano spazio a dubbi: se fosse per Netanyahu, e soprattutto per i membri della sua famiglia, non si tirerebbe indietro nel purgare i ranghi allo scopo di raggiungere il suo obiettivo prioritario di porre fine a tutti i procedimenti penali contro di lui.

Questo non è l’unico pericolo che corre Israele all’interno e all’esterno se il quadro politico si complica. Mercoledì, Moshe Klughaft, che ha lavorato come consigliere strategico sia per Netanyahu che per Bennett, è stato intervistato da Army Radio. Alla domanda su cosa raccomanderebbe a Bennett nelle nuove circostanze, ha risposto senza esitazione: Attaccare l’Iran. Klughaft, come alcuni dei suoi colleghi professionisti, resetta costantemente la barra del cinismo in Israele. Speriamo che Klughaft stia giocando con i suoi intervistatori e che Bennett, come ha dimostrato in passato, sia meno cinico.

Eppure, siamo tornati ai bei tempi di House of Cards e Wag the Dog. Una guerra che senza alcun dubbio costerà la vita di migliaia di persone, anche in Israele, è improvvisamente uno scenario ragionevole che deve essere esaminato seriamente solo per i suoi benefici politici. Che il buon Dio vegli su di noi.”, conclude Harel.

Radiografia della minaccia jihadista

Sulla pericolosità della nuova minaccia jihadista c’è assoluta convergenza di vedute tra l’intelligence di Tel Aviv e gli analisti palestinesi. A variare sono le dimensioni del fenomeno di proselitismo pro-Isis in Palestina. Per i servizi segreti interni di Israele, i miliziani Isis operanti nella sola Striscia di Gaza sarebbero almeno 600, fonti vicine a Fatah della al-Azhar University  di Gaza li quantificano in 4000-5000 membri, suddivisi in 350 cellule che rispondono ad un comando unificato. Sono loro la spina nel fianco di Hamas, i veri competitori per la leadership della “Resistenza” al “nemico sionista”.

Tra i gruppi più attivi, confluiti nelle fila del’Is-Palestina, c’è Tawhid wa al-Jihad (Monoteismo e Jihad), che ha rivendicato l’uccisione (15 aprile 2011) del cooperante e attivista per i diritti umani italiano Vittorio Arrigoni. Una delle roccaforti dell’Is-Palestina è Rafah, nella parte meridionale della Striscia, da sempre culla dell’estremismo radicale armato palestinese. Qui, nei cinquanta giorni della Terza guerra di Gaza, sono comparsi i primi ritratti di al-Baghdadi. E sempre a Rafah, nella moschea Ibn-Taymiyah, cinque anni fa prese la parola Abdul-Latif Moussa, meglio conosciuto nel mondo jihadista come Abu al-Noor. A fagli da cordone di sicurezza, vestiti di nero, c’erano mujahiddin armati appartenenti a Jund Ansar Allah (Soldati dei Seguaci di Dio).

Egli annunciò la creazione di “Al-Imarat al-Islamiyah fi Aknaf Beytul Maqdas”, altrimenti noto come “Emirato Islamico a Gerusalemme”, del quale si dichiarò il primo emiro. Cinque anni dopo, il testimone passa ad un “Califfo” molto più potente e agguerrito. Una presenza, quella dell’Isis, documentata anche in un video su YouTube nel pieno della terza guerra di Gaza. Il filmato, intitolato “Mujiahiddin dello Stato islamico lanciano razzi contro gli Ebrei”. Il video mostrava almeno 10 razzi lanciati contro le città frontaliere dello Stato ebraico. Sempre su YouTube, alcuni miliziani di Gaza, a volto coperto, vestiti di nero e armati di kalashnikov hanno giurato “fedeltà” all’Isis. E che il supporto all’Isis sia in crescita tra gli abitanti di Gaza, soprattutto tra i giovani, è evidente dai messaggi di sostegno apparsi su Twitter e YouTube, e nei social forum.

E una rete attiva pro-Isis agisce anche nelle carceri proprio per reclutare giovani palestinesi senza speranza, senza futuro, che non si riconoscono più nelle organizzazioni tradizionali palestinesi e che hanno come fine la vendetta piuttosto che la realizzazione di un progetto politico-terroristico.  L’Is recluta tra i giovani protagonisti dell’”Intifada dei coltelli”: “La cifra di questi atti di ribellione è la disperazione, è la frustrazione che anima migliaia di giovani costretti a sopravvivere circondati da Muri o imprigionati a Gaza”, annota Hanan Ashrawi, più volte ministra dell’Autorità nazionale palestinese, paladina dei diritti umani nei Territori, sostenitrice della protesta non violenta e della disobbedienza civile.

“Quando la diplomazia internazionale rinuncia ad agire, quando viene meno ogni prospettiva di dialogo, quando a Gerusalemme Est prosegue la “pulizia etnica” della popolazione araba, allora – aggiunge Ashrawi – ciò che resta è solo un desiderio di vendetta. È tragico, ma è così”. E l’Isis, più di Hamas, può intercettare questo “desiderio” di morte. I giovani pronti a farsi strumento di morte sono i figli del disincanto, della perdita di speranza in un futuro “normale” – riflette, Sari Nusseibeh, il più autorevole intellettuale palestinese, già rettore dell’Università al Quds di Gerusalemme Est.

“Di Israele hanno conosciuto solo le barriere di filo spinato, i check point che spezzano in mille frammenti la Cisgiordania. Alcuni guardano con interesse verso il Daesh . Ma i più – conclude Nusseibeh – sono animati da un misto di rabbia e di delusione. Avrebbero bisogno di un progetto in cui credere, di segnali concreti che dicano loro che un’altra via è percorribile. Ma tutto ciò è lontano dal manifestarsi”. E allora a manifestarsi è il “ Califfo”. “La Palestina non sarà la vostra terra né la vostra casa ma il vostro cimitero”.

Con queste parole Abu Bakr al-Baghdadi aveva minacciato Israele in un messaggio audio diffuso in rete il 26 dicembre 2015. “Gli ebrei pensavano che avessimo dimenticato la Palestina e pensavano di essere riusciti a distrarre la nostra attenzione – aveva aggiunto al-Baghdadi -. Assolutamente no, non abbiamo dimenticato la Palestina nemmeno per un momento e con l’aiuto di Allah non la dimenticheremo. Presto, molto presto, avvertirete la presenza dei combattenti della Jihad”.

Quel tempo è arrivato.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile