Top

Brusaferro: "Alta circolazione del virus, soprattutto gli anziani devono stare a casa"

Il presidente dell'Istituto superiore di sanità: ""La ragione delle misure restrittive hanno la finalità che nel nostro paese non avvenga una diffusione così intensa come in alcune zone".

Silvio Brusaferro
Silvio Brusaferro

globalist

21 Marzo 2020 - 18.12


Preroll

Un’altra giornata funesta e la preoccupazione sala anche perché il picco non è ancora stato raggiunto.
“Il dato rilevante è un dato di alta circolazione dell’infezione soprattutto in alcune zone ormai note in Italia, veramente sotto pressione sia sotto il profilo dell’assistenza che della vita sociale. Abbiamo una diffusione anche in altre zone, ma ancora con numeri contenuti”.
A dirlo il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa dalla Protezione civile di Roma.
“La ragione delle misure restrittive nei confronti della nostra vita – ha aggiunto – hanno proprio la finalità che nel nostro paese non avvenga una diffusione così intensa come in alcune zone”.
Gli anziani devono stare a casa
“Gli anziani devono stare a casa perché sono i più fragili e perché se infettate pagano il dazio più elevato”. A ribadirlo il presidente dell’Istituto superiore di sanità (Iss), Silvio Brusaferro, alla conferenza stampa in Protezione civile.
“Bisogna trovare meccanismi di rispetto sistematico” delle misure restrittive contro l’epidemia, ha aggiunto, “altrimenti non saremo in grado di frenare le infezioni. Se però lo facciamo, e una parte importante del paese lo sta facendo, possiamo fare in modo rallenti oppure che ci sia una circolazione sostenibile, che permetta ai nostri servizi sanitari a tutti i livelli di offrire un’assistenza sufficiente a superare queste infezioni. Il distanziamento è la misura chiave di questa battaglia, siamo in una fase in cui la curva cresce e dobbiamo vedere se i provvedimenti dell’11 marzo, che hanno esteso le misure restrittive a tutto il paese, nei prossimi giorni avrà un impatto. Però l’impatto sarà attenuato se i comportamenti non sono consapevoli e decisi”.
Per proteggere gli anziani “abbiamo chiuso le case di riposo, non si possono fare visite. E’ una cosa terribile ma se il virus entra in queste strutture si diffonderà velocemente. Lo dico da figlio di genitori ultra-ottantenni: gli anziani devono rimanere a casa”, ha concluso.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage