Top

Elezioni, Letta ribadisce: "Un dovere stare uniti, ma c’è l’autonomia sui programmi"

"Mi criticano perché da giorni vado in giro da una parte all'altra per provare a tenere unito il centrosinistra. Ma questa legge elettorale, che è la peggiore della storia, ci obbliga a stare insieme".

Elezioni, Letta ribadisce: "Un dovere stare uniti, ma c’è l’autonomia sui programmi"
Enrico Letta

globalist

5 Agosto 2022 - 10.57


Preroll

Enrico Letta prova a tenere insieme i suoi alleati, che al momento non fanno altro che lanciarsi provocazioni via twitter rischiando di lacerare un’intesa già precaria di suo. In un’intervista a Il Messaggero, il segretario dem ha spiegato come si potrebbe restare insieme pur conservando le proprie identità.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Mi criticano perché da giorni vado in giro da una parte all’altra per provare a tenere unito il centrosinistra. Ma questa legge elettorale, che è la peggiore della storia, ci obbliga a stare insieme. Ed è un mio dovere quindi fare di tutto, perché io so cos’è la destra di Meloni e so cos’è la destra di Salvini. Se – periodo ipotetico dell’impossibilità – vincessero, il governo italiano sposterebbe il proprio asse in Europa per allinearsi con Polonia e Ungheria. Il Paese sarebbe in mano alle destre contrarie ai diritti civili”, osserva.

Middle placement Mobile

Di fronte a questo pericolo, la coalizione larga è necessaria, anche con le inevitabili differenze programmatiche: “Nel patto infatti c’è scritto autonomia programmatica, ci sono questioni sulle quali possono esserci posizioni diverse. Non è che su tutti i temi i deve essere d’accordo su tutto. Il patto tra noi e Calenda non è il patto tutti: quello è il punto sul quale su alcuni temi abbiamo trovato un’intesa con Azione e +Europa”

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile