Top

Tajani continua a 'minacciare' gli italiani: "Non accettiamo veti su Berlusconi al Quirinale"

Il coordinatore di Forza Italia dopo il vertice della destra insiste nel volere un condannato presidente della repubblica

Tajani continua a 'minacciare' gli italiani: "Non accettiamo veti su Berlusconi al Quirinale"
Antonio Tajani

globalist

24 Dicembre 2021 - 10.46


Preroll

Una minaccia politica, come altro vogliamo chiamare la candidatura di un condannato che solo ieri ha visto un suo amico (Tarantini) condannato per vicende di prostituzione e che, stando alle motivazioni della Cassazione, andava freneticamente cercando donne da portare a Berlusconi per sollazzare like sue serate sperando così di avere favori in cambio.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Che da presidente del Consiglio ha fatto leggi ad personam in pieno conflitto di interessi per garantire i suoi interessi prima di quelli degli italiani, che ha il suo braccio destro condannato per mafia, che da una sentenza della Cassazione è indicato come a capo di una azienda che ha pagato la mafia per mettersi al sicuro.
Oltre alle pagliacciate internazionali e alla Ruby nipote di Mubarak.

Invece a destra insistono: 

Middle placement Mobile

“Passo importante, nel centrodestra decideremo tutti insieme. Su Berlusconi non accettiamo veti”.

Dynamic 1

Così Antonio Tajani, coordinatore di Forza Italia assicura che dal vertice del centrodestra è uscita una notizia “importantissima”. 

“Abbiamo ribadito e rinnovato l’impegno comune per un’alleanza solida e coesa: tutte le tappe da oggi in poi che ci porteranno all’elezione del prossimo capo dello Stato saranno concordate e decise insieme – ricorda – . La strategia, il nome che proporremo, non ci vedrà divisi, in nessun caso”.

Dynamic 2

Sui tempi spiega “Ne parleremo a gennaio. Faremo le riunioni per l’elezione dei delegati, altro passaggio importante, poi si deciderà chi è il candidato”. Sollecitato sul nome di Berlusconi dice: “Io credo che su Berlusconi si possa eccome formare un fronte ampio. Lui non è solo il leader di un partito, è l’uomo di Stato che si è impegnato ad anteporre l’interesse nazionale a quello di parte, non solo favorendo la nascita del governo Draghi, ma offrendo collaborazione istituzionale anche quando eravamo all’opposizione del governo Conte”.

Per Tajani quella del cavaliere non è una candidatura divisiva:”Berlusconi non ha ancora deciso quello che farà, vedremo a gennaio. Ma non è accettabile che si pongano veti, con i veti non si va da nessuna parte, sarebbe un errore istituzionale gravissimo. E poi come funziona, che per il Pd Forza Italia e il suo leader vanno bene per sostenere il governo Draghi ma sono impresentabili per altri incarichi?”.

Dynamic 3
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile