Top

Silvio Garattini non ha dubbi: "Sarebbe giusto introdurre l'obbligo vaccinale dai 5 anni in su"

Il presidente e fondatore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri: "La variante Ihu potrebbe arrivare a complicare ulteriormente il quadro"

Silvio Garattini non ha dubbi: "Sarebbe giusto introdurre l'obbligo vaccinale dai 5 anni in su"

globalist

11 Gennaio 2022 - 10.22


Preroll

Silvio Garattini, presidente e fondatore dell’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri ha spiegato la delictaa situazione Covid in Italia e l’esistenza di una terza variante scoperta nel Sud della Francia

OutStream Desktop
Top right Mobile

“In Italia convivono due varianti, Delta e Omicron. Una terza, individuata nel Sud della Francia (lhu), potrebbe arrivare a complicare ulteriormente il quadro. In questo momento non sappiamo quanti dei contagi, dei ricoveri e dei decessi per Covid vadano ascritti a Delta o a Omicron. L’incertezza non consente di fare previsioni sul raggiungimento del picco e la successiva discesa dei casi”.

Middle placement Mobile

Quanto incidono i vaccini? “Più che altro dobbiamo riflettere sull’impatto dei non vaccinati: tra loro ci sono 4 milioni di ultra 5oenni e tutti i bambini sotto i 5 anni – ricorda Garattini – A costoro vanno aggiunti i soggetti che per vari motivi, nonostante l’immunizzazione, non sviluppano una risposta immunitaria sufficiente per la protezione dalla malattia (circa il 10%). Facendo un calcolo un po’ a spanne, parliamo di io milioni di persone suscettibili al virus in Italia. Non sappiamo quanti di loro abbiano avuto un’infezione asintomatica e quindi, pur senza lo status ufficiale di guariti, godano di una certa protezione”.

Dynamic 1

Quali sono le cose più urgenti oggi? “Primo, spingere le vaccinazioni.
Credo che sarebbe giusto introdurre l’obbligo dai 5 anni in su – suggerisce il farmacologo – Secondo, sequenziare molto di più il virus per avere un quadro preciso della diffusione di Omicron e cogliere immediatamente l’eventuale arrivo di nuove varianti. Terzo, mantenere le protezioni personali ed evitare possibili occasioni di contagio. C’è poi un impegno fondamentale che spetta agli Stati e alle istituzioni: proteggere le aree a basso reddito. In Africa solo il 9,5% della popolazione è vaccinato con ciclo completo. Se continuiamo a far circolare il virus si formeranno altre varianti che, con lo spostamento di persone, arriveranno anche nei Paesi con coperture vaccinali elevate. Lo stiamo già vedendo”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile