Top

La Lega e la solidarietà a intermittenza alle donne stuprate

Vicinanza alle donna abusata da quattro stranieri a Guidonia ma neppure una parola per la turista americana violentata da un branco di dieci italiani a Sorrento. Non è solidarietà ma demagogia

Stupro di gruppo
Stupro di gruppo

globalist

20 Maggio 2018 - 13.54


Preroll

La Lega si preoccupa solo se la vittima è stuprata da stranieri. Se invece sono ‘goodfellas’ italiani come nel terribile caso di Sorrento ai danni di una trurista americana, la questione non li riguurda. Questa è l’amara constatazione dopo le dichiarazione della leghista Barbara Saltamartini e del consigliere comunale Giovanna Ammaturo, a Guidonia a margine della consultazione al gazebo sul programma ‘Legastellato’ allestito nel centro cittadino. “Dopo l’orrendo stupro da parte di un branco di extracomunitari avvenuto nel territorio di Guidonia Montecelio, l’amministrazione locale non può stare a guardare. Serve rapidamente allestire un sistema di videosorveglianza nelle zone più a rischio e degradate del comune, che anche in passato sono state più volte, purtroppo, teatro di atti delinquenziali e violenze. Da tempo la Lega insiste per l’installazione di telecamere, trovando però totale indifferenza nella giunta Barbet. Ma non prendere provvedimenti oggi sarebbe irresponsabile”. Solidsarietà a intermittenza, insomma. “Proprio nell’area dove è stata perpetrata la violenza alla donna, cui va la nostra totale vicinanza e solidarietà, il Comune tempo fa aveva annunciato l’installazione di una telecamera perché diventata, nel frattempo, una ‘discarica a cielo aperto’. Nulla è stato fatto. Eppure ci sarebbe anche il modo per finanziare questo intervento, attraverso l’abbattimento dei gettoni di presenza dei consiglieri comunali: risparmio di risorse da investire quindi per la videosorveglianza e la sicurezza”, hanno concluso i due leghisti.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile