Top

Caldo e siccità: sei regioni chiedono lo stato di emergenza e fino a martedì...

Il gran caldo è previsto ancora fino a martedì, con punte di 42-43 gradi sulle isole maggiori, poi una possibile tregua.

Caldo e siccità: sei regioni chiedono lo stato di emergenza e fino a martedì...
Siccità

globalist

3 Luglio 2022 - 10.07


Preroll

Basta tornare indietro non di decenni ma di pochi anni fa e vedrete che c’era una lobby politico-affaristica che negava i cambiamenti climatici per poter legittimare le politiche predatorie del territorio, dell’acqua, dell’aria e il cemento, funzionale alla loro visione affaristica della società.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Prosegue la morsa del caldo su gran parte dell’Italia. Oggi saranno 20 le città da bollino rosso mentre sei sono le Regioni che hanno chiesto lo stato di emergenza per la siccità. 

Middle placement Mobile

A Verona il neosindaco Damiano Tommasi ha limitato l’uso di acqua potabile per usi domestici. Il gran caldo è previsto ancora fino a martedì, con punte di 42-43 gradi sulle isole maggiori, poi una possibile tregua.

Dynamic 1

Emergenza siccità per 6 Regioni

Sono sei, al momento, le Regioni che hanno formalmente inviato alla Protezione civile la richiesta di riconoscimento dello stato di emergenza per la siccità. Si tratta di Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Piemonte, Friuli e Veneto che hanno trasmesso i documenti al Dipartimento che ora vaglierà le richieste da portare in Consiglio dei ministri e provvederà a un primo stanziamento, che si aggirerebbe su diverse decine di milioni, per i primi interventi e i ristori agli agricoltori. 

Dynamic 2

Le contromisure adottate a Verona e Pisa

Alle centinaia di amministrazioni comunali che hanno già varato misure ad hoc per contrastare gli effetti della siccità, si sono aggiunte Verona e Pisa. Il neosindaco scaligero Damiano Tommasi ha firmato un provvedimento che limita l’uso dell’acqua potabile ai fini domestici, per la pulizia personale e per l’igiene. Nel capoluogo veneto fino al 31 agosto sarà quindi vietato usare “acqua potabile proveniente da fonte idrica per l’irrigazione di orti, giardini e campi sportivi, per il lavaggio di automobili, salvo impianti autorizzati, per il riempimento di piscine e per ogni altra attività che non sia strettamente necessaria ai fini del fabbisogno umano”. A Pisa dall’11 luglio fino al 31 agosto sarà invece vietato su tutto il territorio comunale utilizzare l’acqua potabile proveniente dagli acquedotti urbani e rurali per scopi diversi da quelli igienico-domestici. Le violazioni saranno punite con sanzioni da 100 a 500 euro.

Dynamic 3

Venti città da bollino rosso per il caldo 

In lieve calo rispetto alle 22 di sabato le città italiane da bollino rosso, dove cioè il rischio caldo è massimo per tutta la popolazione, non solo per le fasce a rischio. Oggi sono 20 i centri urbani “minacciati” dalle temperature elevate: si tratta di Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Catania, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Messina, Napoli, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rieti, Roma, Trieste e Viterbo. E’ quanto risulta dal bollettino sulle ondate di calore del ministero della Salute.

Dynamic 4

Coldiretti: la siccità devasta il raccolto del riso italiano (-30%)

E proprio la siccità sta devastando le risaie italiane con perdite stimate in oltre il 30% del raccolto in un momento in cui l’aumento record dei costi di produzione provocato dalla guerra in Ucraina ha già tagliato di diecimila ettari le semine a livello nazionale. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti sulle conseguenze della mancanza di acqua e delle bombe di calore su un settore strategico per l’economia e l’approvvigionamento alimentare del Paese dove si raccolgono 1,5 milioni di tonnellate di risone all’anno, oltre il 50% dell’intera produzione Ue.

Dynamic 5
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile