Top

Noi donne accusate di tutto, anche di satanismo se non svolgiamo ruoli da bamboline

Oggi l'accusa di aver invocato Satana e di essere una strega è toccata a Virginia Raffaele, artista di spessore, attrice, imitatrice, ballerina e cantante, domani a chi?

Virginia Raffaele
Virginia Raffaele

Claudia Sarritzu

13 Febbraio 2019 - 11.38


Preroll

Questo Sanremo non era da fare: vince un italo egiziano, si parla di migranti e una donna si prende la scena ed è più brava dei due conduttori uomini. 
Oggi l’accusa di aver invocato Satana e di essere una strega è toccata a Virginia Raffaele, artista di spessore, attrice, imitatrice, ballerina e cantante, domani a chi? Una donna estremamente capace è rara in una Tv -soprattutto in Rai -dove le donne vengono scelte solo per fare le figurine accompagnatrici degli artisti maschi. Fa paura una come Virginia, e non perché nel suo spettacolo con il grammofono qualche folle ha sentito la parola Satana, ma perché è una donna intelligente che lavora nella televisione per questo, non solo per la indubbia bellezza. Fa paura lo spazio che si è presa grazie al suo talento e al fatto che sia una persona brillante. 
Ma ciò che fa più paura è che di esorcismo ne parli il Ministro dell’Interno, che io spero chiarisca al più presto questo post. 

OutStream Desktop
Top right Mobile


Care Donne siamo in pericolo, dal ddl Pillon a queste vicende tutto ci fa presagire un futuro molto preoccupante per il nostro genere. 
Ma cosa è successo a Sanremo?
 Un grammofono che si inceppa e poi ecco arrivare il nome del demonio, pronunciato per ben cinque volte in diretta sul palco di Sanremo. Questo il momento ‘incriminato’ dello sketch di Virginia Raffaele, protagonista nelle ultime ore di un piccolo caso che vede l’attrice addirittura al centro di un appello di un esorcista, don Aldo Bonaiuto. All’artista, il sacerdote della Comunità Giovanni XXIII ha chiesto infatti spiegazioni sulla presunta “invocazione di Satana” in eurovisione, rimproverandole inoltre di aver mancato di rispetto “specialmente alle tante persone che sono realmente oppresse dalle forze del male” con quella che “apparirebbe” come una “gag spiritosa ma poi stonata perché sembra non tenere conto della sensibilità di tante persone che soffrono a causa della presenza del maligno. Pur non comprendendo quale fosse l’intento – ha scritto il don sulle pagine del sito Interris – il ridicolizzare o, ancor più grave, inneggiare il nome di Satana in prima serata su Rai Uno, penso sia stato uno scivolone sconcertante”.
Ma non basta. Sul caso ‘Satana a Sanremo’ nella serata di ieri è intervenuto anche il vicepremier Matteo Salvini, che “capisce e condivide” le preoccupazioni espresse da don Aldo Buonaiuto, aggiungendo: “Non sottovalutiamo il problema delle sette sataniche, con tutti i problemi connessi. Ascoltiamo con attenzione gli esperti che ci aiutano a combattere il fenomeno”. Ma dalla diretta interessata, almeno per ora, nessun commento.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile