In Italia una donna su tre viene aggredita dal partner

Le conseguenze della violenza sullo stato di salute della donna assumono livelli di gravità che possono essere fatali, dal femminicidio, all'interruzione di gravidanza

In Italia una donna su tre viene aggredita dal partner

In Italia una donna su tre viene aggredita dal partner

globalist 14 novembre 2017

Commentare questi dati non ha senso. Parlano da soli e mettono i brividi. C'è un grosso problema culturale che solo la scuola può risolvere. Una donna su tre è aggredita dal partner e, tra quelle gravemente abusate, più dei due terzi accusano sintomi di stress da disordine post-traumatico a tre mesi dalla violenza. Hanno tra i 15 e i 49 anni, più di un terzo sono straniere. E' la fotografia della donne vittime di violenza che emerge dai dati di un progetto coordinato dall'Istituto Superiore di Sanità. Allarme anche per le bambine: per il 17,9% di quelle fino ai 14 anni, la causa di accesso al pronto soccorso per violenza, è una aggressione sessuale. Le conseguenze della violenza sullo stato di salute della donna assumono livelli di gravità che possono essere fatali, dal femminicidio, all'interruzione di gravidanza, o molto invalidanti come conseguenze di trauma (ustione, avvelenamento o intossicazione) e psicologiche con problemi di salute che includono il Post Traumatic Stress Disorder (PTSD), depressione, abuso di sostanze e comportamenti auto-lesivi, tentativi di suicidio, disturbi alimentari, sessuali. Il progetto è del Centro per il controllo delle malattie (supportato dal Ministero della Salute) e "REVAMP (Repellere Vulnera Ad Mulierem et Puerum) - Controllo e risposta alla violenza su persone vulnerabili", coordinato dall'ISS e dall'Ospedale Galliera di Genova, che fa parte della rete ospedaliera che raccoglie i dati sulla violenza, nell'ambito dell'Injury Database europeo (IDB). Dai dati emerge che per le donne vittime di violenza in età fertile (15-49 anni), oltre il 35% dei casi è dovuto ad aggressione da parte del coniuge o partner sentimentale (nei maschi è meno del 10%). Quasi l'85% dei casi di violenze su donne è compiuta da conoscenti (nei maschi tale percentuale è inferiore al 40%). "Nei pronto soccorso che hanno partecipato alla rilevazione - dice Alessio Pitidis dell'ISS, coordinatore per l'Italia della sorveglianza dell'Injury Database europeo - emerge che per le donne in età fertile vittime di violenza la seconda causa di accesso in PS è stata la